News dal Parlamento n° 224

b_800_auto_0_00___images_2015_cova.jpg

b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_left-top-curl.jpg
       
   
  

News dal Parlamento

 INFORMATI SU CIO' CHE ACCADE A ROMA DA

                              PAOLO COVA

b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_bracket-red.png
 
 

eNews
n°224

b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_ornament.gif

Ottobre 2017

 
b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_bracket-green.png
b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_right-top-curl.jpg
b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_left-curl-part-1.jpg
 
b_800_auto_0_00_http___enews2.sfera.net__libs_tinymce_include_templates_template_4_images_template_4_lime_left-curl-part-2.gif
 
 

   

La soluzione è il Rosatellum

 

Ha fatto molto parlare di sé prima ancora di essere votato. Ora, alla Camera, previo voto di fiducia sui primi tre articoli e voto palese per il quarto e quinto articolo, abbiamo approvato le Modifiche al sistema di elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica e delega al Governo per la determinazione dei collegi elettorali uninominali e plurinominali, la legge elettorale di riforma che va sotto il nome di Rosatellum, dal nome del capogruppo Pd Ettore Rosato che l’ha proposta.

 

Cercherò di spiegarla bene, visto che non è mai semplicissimo capire i meccanismi della democrazia. Gli aspetti principali della nuova legge elettorale sono i candidati indicati con chiarezza sulle schede, sia nei collegi uninominali che in quelli plurinominali, con liste cortissime; un rapporto più stretto tra eletto ed elettore; un sistema elettorale misto identico per le due Camere; la possibilità di dare vita a coalizioni nazionali.

 

Nel dettaglio, 232 deputati alla Camera e 116 senatori sono eletti in collegi uninominali con formula maggioritaria, in cui vince il candidato più votato, mentre l'assegnazione dei restanti seggi avviene con metodo proporzionale, nell'ambito di collegi plurinominali. Le soglie di sbarramento nazionali sono del 10% per le coalizioni e del 3% per le liste. I partiti possono presentarsi da soli o in coalizione. La coalizione è unica a livello nazionale e i partiti coalizzati presentano candidati unitari nei collegi uninominali.

 

L’elettore può esprimere il voto solo per il collegio uninominale oppure il voto sia per il collegio uninominale sia plurinominale.

 

Ancora più nello specifico, vediamo come si applica il nuovo sistema alla Camera e come si eleggono i 630 deputati: 232 con sistema maggioritario dove vince chi ottiene più voti nei collegi uninominali (231 collegi uninominali, che comprendono 6 del Trentino Alto Adige/Sud Tirolo, 2 del Molise,  1 collegio uninominale in Valle D’Aosta); 386 con sistema proporzionale tra le coalizioni di liste e le liste che abbiano superato le soglie di sbarramento; 12 sono gli eletti nella circoscrizione estera.

 

Al Senato, sui 315 senatori, 116 sono eletti con sistema maggioritario dove vince chi ottiene più voti nei collegi uninominali (che comprendono 6 collegi uninominali  del Trentino Alto Adige/Sud Tirolo, 1 collegio uninominale in Valle D’Aosta); 193 con sistema proporzionale tra le coalizioni di liste e le liste che abbiano superato le soglie di sbarramento. Infine, 6 sono eletti nella circoscrizione estera.

 

Specifiche disposizioni sono dettate ai fini del rispetto del principio dell’equilibrio di genere. Innanzitutto, sia alla Camera, sia al Senato, a pena di inammissibilità, nella successione interna delle liste nei collegi plurinominali i candidati devono essere collocati secondo un ordine alternato di genere.

 

Alla Camera, nel complesso delle candidature presentate da ogni lista o coalizione nei collegi uninominali a livello nazionale, nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento, con arrotondamento all’unità più prossima. Nel complesso delle liste nei collegi plurinominali presentate da ciascuna lista a livello nazionale, nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento, con arrotondamento all’unità più prossima, nella posizione di capolista.

 

Al Senato, le stesse previsioni sono stabilite a livello regionale ed è compito dell’ufficio elettorale regionale assicurarne il rispetto.

 

Al di là degli aspetti più tecnici, vorrei sottolineare che il Parlamento ha sempre chiesto un’ampia partecipazione al confronto e coloro che non hanno voluto seguirne l’iter lo hanno fatto per i propri interessi elettorali oltre a seminare il dubbio che il Parlamento fosse incapace di scrivere e promulgare una nuova legge elettorale.

 

 

 

Cristiani e politica

 

“Un dissidio rappacificato” è il titolo dell’incontro che propone alcune riflessioni a partire dal libro “Spiritualità e politica” di Mons. Mario Spezzibottiani, che si terrà domenica 22 ottobre, alle 19.30, al Refettorio Ambrosiano di piazza Greco, a Milano.

 

È questo il tema di un libro che raccoglie le riflessioni del compianto monsignor Spezzibottiani sulla spiritualità dei cristiani impegnati in politica. Il libro suscita domande attuali e decisive riguardo lo stile e il modo di stare in politica dei cattolici. Il momento sarà conviviale e, assieme a Fabio Pizzul che modererà l’incontro, ci saranno Daniela Mazzuconi e Alfredo Canavero, che hanno dato il loro contributo al volume.

 

Per partecipare alla cena è necessario prenotarsi inviando una mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Paolo Cova
 

Condividi

Powered by CoalaWeb